PDR spendibile in welfare: siamo sicuri che convenga davvero???

in questi giorni stiamo ricevendo una massiccia quantità di comunicazione sulla intranet così come dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo sul pdr in merito alla grande opportunità di poter spendere tale premio in una serie di prodotti e servizi più o meno attinenti al welfare………

 

I FATTI: la legge di stabilità del 2017 stabilisce che il pdr gode di una tassazione agevolata al 10% per un importo massimo di 4.000€ a favore di tutti i dipendenti con una ral (reddito annuo lordo) di massimo 80.000€ . si potrà spenderlo in welfare per il 50%, 75% o 100% dell’importo, così recita l’accordo.

ma quali sono le conseguenze? per semplicità di calcolo supponiamo che il pdr sia 1.000€ lordi: se noi decidiamo di incassarlo senza spenderlo in welfare riscuoteremo circa 800€ in quanto 100€ (10%) sono trattenuti come irpef e altri 100€ circa (10%) come contributo pensionistico (ai quali vanno aggiunti i 230€ a complemento che versa tim…..questo sia l’azienda che i sindacati firmatari omettono di ricordarlo….strano eh?!).

se dovessimo decidere di spenderlo tutto in welfare è vero che fruiremo di una tassazione azzerata e quindi di tutti i 1.000€ del nostro esempio, ma perderemo un totale di 330€ di contributi previdenziali (100€ versati da noi e 230€ versati dall’azienda) e contributi su tfr, tredicesima….. ricordiamoci che la nostra pensione sarà prevalentemente basata sulla contribuzione quindi riscuoteremo in futuro un importo più basso.

pagare meno tasse? slogan populista che funziona sempre…….peccato che la minore contribuzione irpef incide sul bilancio statale….che per far quadrare i conti ridurrà ad esempio l’assistenza sanitaria a favore di quella privata e saremo noi a pagare……insomma il lavoratore contribuisce a smantellare lo stato sociale?!…..fantastico partecipare ad un suicidio collettivo…….

quindi a chi conviene realmente??? segue elenco vincitori:

  • Tim che oltre al menzionato 23% verso l’inps ha altri vantaggi fino al 40%......oro strameritato!!!!
  • Lo stato che giustificherà così minori fondi per sanità, istruzione, pensioni pubbliche……un argento di prestigio......
  • cgil, cisl, uil e ugl che potranno continuare ad impiegare loro personale in fondi previdenziali privati e altre strutture affini……un bronzo che sa di beffa visto l’impegno profuso…..

lo snater è con voi….sempre