Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

TIM DOPPIO STIPENDIO PER GLI EX-SCORPORATI IT LA STRATEGIA SNATER

Lo scorporo dell’informatica, che portò a migliaia di opposizioni da parte dei lavoratori, sembrava un capitolo ormai morto e sepolto con un pareggio di fatto: e invece . . .

 

6 AGOST2019 

DOPPIO STIPENDIO

Come sapete l’esternalizzazione del settore “IT Operation” di Telecom Itala SPA in SSC del 1/5/2010, vide numerose sentenze favorevoli ai lavoratori che fecero opposizione senza interrompere l’iter processuale (diverse centinaia tra appello e cassazione). Su quella vicenda sembrava calato il sipario con un apparente pareggio con l’azienda visto che il settore è stato reincorporato in TIM per intero a gennaio 2017 rendendo di fatto cessato l’argomento del contendere.

Tuttavia, negli ultimi mesi la Cassazione e la Corte Costituzionale, hanno dato un’interpretazione rivoluzionaria degli scorpori dichiarati illegittimi con sentenza, asserendo che ogni lavoratore, illegittimamente esternalizzato, può intraprendere azione legale per ottenere la retribuzione anche dalla cedente (che, nel nostro caso, è TIM), per tutto il periodo in cui è rimasto esternalizzato dopo la prima sentenza a favore, senza dovere nulla al cessionario (per noi TIIT). In sostanza si tratta di una vera e propria doppia retribuzione relativa a tutto il periodo compreso tra la prima sentenza favorevole al lavoratore e la successiva reincorporazione in TIM (che, a seconda dei casi, arriva fino a 24 mesi di stipendio)

 

Lo SNATER del Lazio e i suoi legali hanno perciò organizzato una strategia collettiva per massimizzare le probabilità di vittoria, per i lavoratori che intendano fare richiesta della doppia retribuzione, MINIMIZZANDO I COSTI E IL DANNO IN CASO DI SCONFITTA (anche se improbabile): questo perché eventuali spese di soccombenza, che si aggiungerebbero alle spese amministrative di apertura pratica, non sarebbero affatto trascurabili.

Ne è uscita la strategia che trovate allegata al presente comunicato che ha come obiettivo di fondo quello di rendere l’operazione quasi a costo zero per i partecipanti e i rischi residui sotto controllo.

Chi fosse interessato (tra i colleghi del perimetro SSC/TIIT che hanno avuto la vittoria legale sullo scorporo PRIMA del 1° gennaio 2017) ad intraprendere questa vertenza, contatti i seguenti referenti SNATER del Lazio:

Massimiliano CAVALLO              cell. 331 602 5070               e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Eugenio MIELI                                cell. 377 092 3547               e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

PROPOSTA DELLO SNATER LAZIO PER RIVENDICARE IL DOPPIO STIPENDIO DALLA DATA DI VITTORIA SULLA CESSIONE IT A QUELLA DI REINTEGRO IN TELECOM (1° GENN. 2017) 

  • La presente proposta riguarda i lavoratori già iscritti al sindacato SNATER, o che decidano di iscriversi. Il costo dell’iscrizione è pari al 1,25% del minimo tabellare (prima voce in alto a sinistra in busta paga) per tredici mensilità annue
  • Ognuno, tenendo conto della prima vittoria conseguita sullo scorporo (primo grado, appello, cassazione) e della data di ritorno in Telecom (1° gennaio 2017), deve valutare l’opportunità o meno di procedere in tal senso: più sono le mensilità ove l’azienda si è mostrata inadempiente a reincorporare il dipendente, più alta è la cifra rivendicabile con vertenza
  • Per minimizzare i costi, si divideranno i ricorrenti a gruppi di circa 10 unità, in modo da mantenere la cifra totale rivendicata da ciascun gruppo al disotto dei 520.000 € che è la soglia dopo la quale scatta l’aliquota successiva per il contributo unificato (spese amministrative apertura pratica)
  • Le spese del contributo unificato (stimate in circa 60 € medi a testa) sono a carico SNATER per le prime 100 adesioni, compresi quelli già iscritti, e sarà invece ridotta del 50% (quindi circa 30 €) per i successivi aderenti alla proposta SNATER ancora non iscritti
  • Al momento dell’esito positivo della causa, ciascuno dei ricorrenti vittoriosi verserà una quota del 10% allo studio legale Petrocelli, ed un ulteriore 3% su un Fondo di Resistenza comune per le vertenze; secondo le nostre stime, tale Fondo dovrebbe essere sufficiente a coprire le spese delle eventuali cause negative
  • Dato che ovviamente queste sono solo ipotesi che riducono, ma non eliminano il rischio di una sconfitta generale collettiva, dobbiamo chiaramente tener presente che la possibilità di pagare le spese di soccombenza individualmente, in caso di sconfitta su tutti i fronti, non è nulla anche se è molto ridotta. Ovvero, dopo la sentenza della Cassazione vi sono state due sentenze di merito, positive, delle Corti d’Appello di Roma e di Napoli; non possiamo però essere matematicamente sicuri che tutti i giudici del Tribunale seguiranno quegli orientamenti, e dobbiamo quindi precisare che vi è la possibilità, anche se alquanto remota, che parte della condanna alle spese debba essere divisa tra i ricorrenti (che, ricordiamolo, saranno dieci per causa)
  • Comunque, se, a fine partita dei tre gradi di giudizio, il fondo comune ha un residuo, tale residuo verrà restituito pro quota ai ricorrenti
  • Pertanto, per ridurre ulteriormente i rischi, SNATER sta valutando la costituzione di altro analogo Fondo bis, ad integrazione del primo descritto nel punto (5), al quale contribuirà anche lo studio legale con una parte degli onorari derivanti dalle cause positivamente risolte
  • I casi di transazione (accordo) tra le parti in corso di vertenza, ai fini del pagamento dello studio legale e del Fondo di Resistenza, sono trattati alla stregua dei casi di vittoria del ricorrente ovviamente riproporzionati sulla cifra effettivamente ottenuta nell’accordo

SEGRETERIA Regionale Lazio                                  SETTORE TELECOMUNICAZIONI

Via Caterina Troiani 244 – 00144 ROMA

Tel. 06/45442146 – Fax 06/37514885           www.snatertlc.it        Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.