Il giorno 23.11.2023 la direzione aziendale ha presentato al Coordinamento Nazionale Rsu la divisione in due della azienda (quella che una volta era Telecom Italia) con la creazione di due nuove società: NetCo e ServCo.

Lo scorporo della Rete (NetCo) avverrà durante l’estate 2024 (cessione di ramo d’azienda); NetCo avrà circa 20.000 lavoratori, ServCo circa 18.000.
Non è stato chiarito per ora, che fine farà il debito che attualmente pesa (eccome!!) nel bilancio aziendale di Telecom Italia!!

Le forze che hanno spinto per arrivare a togliere dalla scena industriale ed economica una delle più grandi aziende delle telecomunicazioni del mondo (correva l’anno 2000), hanno raggiunto il loro obiettivo!!

Con questa operazione l’Italia si priva definitivamente della spina dorsale delle Tlc, diventando così uno dei pochi paesi industrializzati senza una compagnia di bandiera (si pensi anche alla sicurezza delle comunicazioni stesse)!!

Già c’è chi si preoccupa degli ammortizzatori sociali da poter utilizzare nell’immediato… segno inequivocabile di quale fine si vorrebbe far fare a gran parte dei lavoratori di queste due aziende.

ESPRIMIAMO LA NOSTRA MASSIMA DISAPPROVAZIONE PER QUESTO PROGETTO, e rimaniamo fortemente preoccupati per il futuro occupazionale di tutti i colleghi !

Il giorno successivo 24.11, abbiamo organizzato una riunione con i nostri responsabili ed attivisti di tutte le regioni con la partecipazione della dott.ssa Lidia Undiemi (esperta del settore) per una prima valutazione tecnica ed economica della vicenda, ed eventuali azioni possibili.

Naturalmente per contrastare queste pesanti vicende societarie servirebbe un vasto movimento dei lavoratori che individui obiettivi certi e raggiungibili…

SNATER C’È… A FIANCO DEI LAVORATORI !!!

SEGRETERIA NAZIONALE TLC

Views: 2013

Privacy Policy