Snater Campania e Basilicata 12 Marzo 2021

Ci giungono numerose segnalazioni da parte di lavoratori Tim circa il continuo pressing che stanno ricevendo dai coordinatori e dai responsabili, quasi coercitivo, per aderire al servizio di FEA (Firma Elettronica Avanzata) di Tim spa.
A riguardo specifichiamo che tale adesione è VOLONTARIA e non può essere il alcun modo obbligata o estorta.
Già ci vengono segnalati casi in cui i responsabili stanno mettendo in atto azioni discriminatorie nei confronti di chi non ha aderito alla FEA, come quei lavoratori che, dopo aver concordato con il responsabile i giorni di permesso retribuito da fruire entro Aprile cd. PK, si sono visti imporre
giorni di permesso diversi, contrariamente agli accordi presi.
Al riguardo segnaliamo ed evidenziamo che nell’Informativa del servizio proposto – FEA- i dati saranno trattati, in qualità di Responsabile del trattamento, dalla Società TeamSystem Service S.r.l. avente sede legale in via Martiri della Repubblica Partenopea 2, Ripalimosani (CB) e che SARANNO CONSERVATI PER 20 ANNI !!!!
Inoltre, l’informativa prevede che: “nello svolgimento delle proprie attività ordinarie aziendali i Dati potranno essere comunicati a soggetti che svolgono attività di controllo, revisione e certificazione delle attività poste in essere dal Titolare, consulenti e liberi professionisti nel contesto di servizi di assistenza fiscale, giudiziale, enti e amministrazioni pubbliche, ivi incluse autorità fiscali ove ciò sia necessario, nonché a soggetti legittimati per legge a ricevere tali informazioni, autorità giudiziarie italiane e straniere e altre pubbliche autorità, per le finalità connesse all’adempimento di obblighi legali, o per l’espletamento delle obbligazioni assunte e scaturenti dalla fruizione del Servizio, compreso per esigenza di difesa in giudizi. I Dati Personali non saranno in alcun caso diffusi né saranno trasferiti fuori dall’Unione Europea”. ( E CI MANCHEREBBE ANCHE QUESTO !!)
Per quanto sopra, riteniamo che manchino i requisiti minimi di sicurezza relativi al trattamento dei dati, pertanto CHIEDIAMO L’IMMEDIATA SOSPENSIONE DEL PRESSING SUI LAVORATORI PER L’ADESIONE A TALE SERVIZIO CHE RESTA ASSOLUTAMENTE VOLONTARIO.
INUTILE RICORDARE CHE OGNI ULTERIORE AZIONE CONTRARIA ALLA VOLONTA’ DEL LAVORATORE SI CONFIGURA COME VIOLENZA PRIVATA
.