SNATER Lazio

LO SNATER LAZIO ha organizzato una votazione on line tra tutti i lavoratori del Lazio (circa 11.000 lavoratori) che ha avuto come oggetto l’approvazione del contratto di espansione cosi come definito dall’accordo del 22 e 23 aprile e sottoscritto da slc, fistel, uilcom e Ugl.

La votazione è stata preceduta da una mail con one time password utilizzata per riconoscere il diritto al voto del lavoratore ed ha prodotto i seguenti risultati:

803 VOTANTI

655 CONTRARI (81,5 %)

148 FAVOREVOLI (18,4 %)

Un risultato in netto contrasto alle votazioni assembleari che hanno svolto i sindacati firmatari dell’accordo di aprile, ma non è un risultato sorprendente per chi ascolti e viva con i lavoratori il disagio di una perdita economica.

81% dei lavoratori ha detto NO all’accordo di espansione che ridurrà il salario di una mensilità a tutti i lavoratori che rientrano nel perimetro della CdE.

I lavoratori hanno detto NO a 10 anni di contratti di solidarietà e/o di espansione che non sono stati sufficienti a pagare neanche le multe ricevute dalle diverse authority e non sono serviti ne a ridurre gli esuberi ne ad assumere giovani lavoratori ma soltanto a riprendere la distribuzione di utili agli azionisti.
Siamo sicuri che una migliore attenzione gestionale dell’azienda tesa ad eliminare le multe, annullerebbe il ricorso a forme contrattuali di emergenza.

Il NO mette ancora più in crisi i vecchi rituali sindacali delle assemblee che votano e approvano accordi senza legittimità né formale né sostanziale e allontanano sempre più il lavoratore dalle sua rappresentanza.
Il lavoratore è sempre più solo, abbandonato agli umori aziendali del momento. E questo spiega la ridotta partecipazione dei lavoratori al voto.

LO SNATER É CON I LAVORATORI E RINGRAZIA TUTTI GLI 803 VOTANTI A PRESCINDERE DALLA PREFERENZA ESPRESSA PERCHÉ DIMOSTRANO CHE ANCORA RIMANE TRA I LAVORATORI LA VOGLIA E LA PASSIONE DELLA PARTECIPAZIONE SINDACALE