SNATER Lazio

L’emergenza COVID19 ha avuto l’indubbio merito di mettere TIM nella condizione di rompere ogni indugio su un’applicazione estesa e capillare dello smart working alla stragrande maggioranza dei propri dipendenti

In Noovle, società punta di diamante dell’informatica aziendale, a detta del management, questa necessità doveva quindi trasformarsi finalmente, dopo circa un decennio di ritardo rispetto ad altre realtà informatiche di avanguardia, in un deciso cambiamento prima di tutto culturale e poi organizzativo per permettere ad ogni dipendente di lavorare in modo efficace  da qualsiasi luogo fisico egli preferisca connettersi.

Ma  in Noovle tutto questo e’ ancora lontano dal potersi realizzare.

Da una parte il mito del lavorare per obiettivi, che doveva rappresentare per i lavoratori il massimo grado di libertà, si sta trasformando di fatto in aumento quasi oppressivo degli obiettivi stessi, data l’aumentata produttività, ed un aumento del tempo medio lavorativo del singolo lavoratore, stretto tra obiettivi sempre più sfidanti e sistemi lavorativi ormai obsoleti  (riunioni su riunioni a platee troppo estese) che lo costringono ad estendere la propria giornata lavorativa a 9-10 ore.

Da parte aziendale è invece sempre presente la paura atavica che la perdita del controllo diretto e fisico dei propri dipendenti rappresenti chissà quale sciagura per l’azienda stessa.

Lo stesso AD, nell’ultimo meetings Noovle, ha espresso il chiaro intento di restaurare un rapporto lavorativo vecchia maniera, in cui è il responsabile che decide se e quando il lavoratore può lavorare in modalità agile, in base agli obiettivi di struttura e alle mansioni del singolo lavoratore e  che la presenza in sede aziendale è e rimane la normale forma per svolgere l’attività lavorativa e che qualsiasi eccezione a tale modalità deve avvenire per concessione aziendale.

Questo tipo di approccio verticistico, gerarchico e costrittivo e’ ormai anacronistico: il Lavoro Agile nasce innanzitutto come diritto del lavoratore ad una modalità aperta di prestazione che permetta un’ottima integrazione tra vita e lavoro stesso, che gli permetta di non passare 2-3 ore della propria giornata in mezzo al traffico, e l’azienda ha il dovere di trovare strumenti e metodi per rendere agevole e accessibile a tutti tale opportunità.

Non solo: in un periodo di emergenza sanitaria come quella del Covid-19, periodo che si estenderà per anni, il Lavoro Agile diventa strumento essenziale per la salvaguardia della salute dei lavoratori e non sono accettabili i continui accordi con i sindacati ad anticipare il rientro in azienda al prima possibile.

Ci sono addirittura pervenute segnalazioni da parti di alcuni lavoratori che l’azienda starebbe sensibilizzando i propri responsabili e referenti a farsi avanti come volontari (e cavie) per il rientro anticipato in sede nel periodo 4 ottobre – 31 dicembre.

Sarebbe un atteggiamento irresponsabile, un modo di forzare gradualmente il rientro di tutti i lavoratori in nome di una normalità, tutti in ufficio, che non ha vere giustificazioni lavorative  o sanitarie

SNATER CHIEDE ai vertici di Noovle che:

  1. Provveda ad ascoltare le esigenze di chi e’ costretto a recarsi ogni giorno nella propria sede aziendale (i lavoratori dei Data Center) e che ha bisogno di tutte le tutele sanitarie possibili ed il giusto indennizzo per le difficoltà oggettive in cui e’ costretto a lavorare
  2. Non si presti a salti nel vuoto anticipando il rientro in sede di chi attualmente è in Smart Working, mettendo a rischio la salute dei lavoratori, non solo all’interno dei locali aziendali, ma anche nel recarsi al proprio posto di lavoro con i mezzi pubblici
  3. Estenda il modello di Smart Working che sarà avviato nel 2022 alla platea più estesa possibile  di lavoratori, definendo regole chiare e uguali per tutti (i lavoratori non possono diventare ostaggio dal capetto di riferimento)  e modalità di accesso al lavoro agile non punitive o restrittive oltre misura
  4. Riteniamo che 3 giorni in Lavoro Agile a settimana per tutti permetterebbero ottima gestione degli spazi e delle prenotazioni


Dai il tuo supporto iscrivendoti! Clicca per aderire