Snater Lazio

Il 2 marzo scorso AD Labriola ha presentato il piano industriale 2022-2024 che prevede di smontare la filiera verticale RETE+SERVIZI per valorizzare i singoli asset e creare maggiori dividendi agli azionisti.
Il piano preannuncia, quindi, la creazione di due diverse Società NETCOM e SERVCOM in cui confluiranno i relativi asset con tanto di funzioni organizzative e dipendenti. Molte strutture organizzative sia di staff che operative saranno divise e il loro personale ripartito nelle due nuove aziende.

Il piano presentato il 2 marzo va esattamente nella direzione opposta al modello di sviluppo che la TIM ha seguito fino ad oggi e che aveva come finalità il recupero, tramite i SERVIZI, dei ricavi persi dal trasporto dati della RETE.

I due modelli, quello integrato funzionalmente RETE+SERVIZI e il modello diviso in due AZIENDE sono contrastanti negli aspetti finanziari, tecnologici, commerciali e infine occupazionali.
Cambiare modello di sviluppo non è semplice ma dalla documentazione rilasciata dal nostro AD risulta il contrario e temiamo che il mancato approfondito conduca ad una situazione di non-gestione. In poche parole temiamo che possa risultare un SALTO NEL VUOTO con pesanti ripercussioni sull’occupazione, sui salari e sui diritti dei lavoratori.

Quando gli asset di un’unica azienda vengono divisi in più aziende si viene a indebolire la stessa struttura finanziaria che sostiene l’intero business; è un colpo basso alla commercializzazione dei singoli prodotti nonché un ridisegno delle partnership e in ultimo un vero choc per il mondo del lavoro a cui si chiederà di pagare il conto quando i ricavi promessi da tale operazione rimarranno soltanto sulla carta.

Lo SNATER ritiene che problema della TIM è nell’assetto della proprietà formata dagli azionisti di riferimento, VIVENDI e CDP, che hanno manifestato incapacità nella gestione, e dei FONDI presenti nel CDA che manifestano solo l’interesse nel fare a fette TIM per affossarla definitivamente.
LO SNATER ritiene che il GOVERNO ITALIANO deve ostacolare la proposta di Labriola utilizzando la CDP che deve diventare un azionista stabile e di riferimento per una TIM che sia UNICA, integrata SERVIZI+RETE, e in mano PUBBLICA in analogia a quanto avviene in EUROPA e con altre Aziende Italiane come ENI, ENEL…

Per maggiori informazioni chiamare:

Andrea D’Epifanio 3356338480
Andrea Francescangeli 331 6024127
Alfredo Ciangola  335 7691642
Stefano di Marino 335 633 9814
Fabio Fanasca 335 753 4583
Roberto Campopiano 335 633 5989

Dai il tuo supporto iscrivendoti! Clicca per aderire