Sei alla ricerca di una guida che ti spieghi quali sono i bonus ancora attivi? Beh, in tal caso sei capitato nel posto giusto al momento giusto! In questo articolo andremo infatti a scoprire quali sono i bonus 2020 che si possono richiedere entro la fine dell’anno.

Si tratta di incentivi di varia natura previsti dal Governo, destinati a diverse categorie di popolazione. Nelle prossime righe ti forniremo una panoramica completa ed esaustiva, così potrai avere una lista aggiornata dei bonus a disposizione ed eventualmente fare richiesta di alcuni.

Prenditi dunque qualche minuto di tempo libero: siamo sicuri che, una volta terminata la lettura dell’approfondimento, avrai un quadro più chiaro e avrai fugato tutti i tuoi dubbi in merito. Buona lettura!

Bonus ancora attivi: la lista

Ogni anno in Italia vengono messi a disposizione dei cittadini una serie di bonus destinati alle fasce di popolazione più bisognose. Alcuni di questi possono essere richiesti e ottenuti solo da determinati soggetti rientranti in fasce economiche ben precise, altri vanno in base alle diverse categorie (mamme, studenti, disoccupati ecc.).

L’elenco quest’anno è davvero corposo, anche per via del Covid, che ovviamente ha imposto un aiuto ancora più ingente da parte dello Stato.

Nei paragrafi seguenti andremo ad indicarti tutti i bonus ancora attivi che possono essere richiesti entro la fine dell’anno in corso. Bando agli indugi, partiamo!

Bonus asilo nido 2020

Partiamo dal bonus asilo nido 2020, un incentivo che spetta a chi ha figli con meno di 3 anni di età e che ovviamente frequentano un asilo nido. La somma del bonus varia in base all’ISEE del nucleo familiare.

Si va da un minimo di 1500 euro ad un contributo intermedio di 2500, per arrivare poi al massimo di 3000 euro.

Come richiederlo: ci sono tre possibili strade per poter ottenere il bonus in questione. La prima è quella online, tramite il servizio dedicato sul sito dell’INPS. É necessario possedere un PIN INPS dispositivo e di una identità SPID per poter accedere ai servizi telematizzati dell’istituto. In alternativa, è possibile effettuare la richiesta chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803 164 o da telefono cellulare il numero 06 164164 se in possesso di PIN. Infine, se non si è in possesso di PIN, si può optare per i servizi telematici offerti dai patronati.

Bonus bebè 2020

Anche la nascita di un figlio necessita di tantissime spese quotidiane, a cui lo Stato contribuisce con un bonus bebè 2020.

Esso viene ripartito in base all’ISEE familiare: 160 euro mensili per ISEE minori di 7mila euro, 120 € mensili per ISEE compresi fra 7.000 e 40.000 € o 80 euro per ISEE con valori maggiori di 40.000 €.

Come richiederlo: le modalità sono identiche a quelle viste per il bonus asilo nido 2020. La domanda di assegno si presenta all’INPS, una sola volta per ogni figlio, attraverso il servizio online dedicato.

Bonus mamma domani 2020

Altro incentivo rivolto alle future mamme, che al momento della richiesta sono in stato di gravidanza.

Con il bonus mamma domani 2020, esse possono fare richiesta del bonus al settimo mese, e ottenere un importo una tantum di 800 euro.

Come richiederlo: le modalità di richiesta sono le stesse elencate nei paragrafi precedenti per gli altri bonus. Nella documentazione dovrà essere allegata la certificazione dello stato di gravidanza.

Bonus nonni 2020

Accudire i propri nipoti ed essere pagati? Tramite il bonus nonni 2020 è possibile! Basta che i nonni in questione non siano conviventi con il beneficiario del voucher, erogato sul libretto famiglia.

Di fatto i nonni in questo caso si sostituiscono ai baby-sitter.

Come richiederlo: stesse modalità di richiesta dei bonus analizzati nelle righe precedenti.

Bonus studenti 2020

Meglio conosciuto come il bonus cultura, il bonus studenti 2020 consiste in 300 euro destinato a ciascun studente che compie 18 anni entro l’anno in corso.

Questa somma può essere spesa ovviamente per materiale scolastico, ma non solo: cinema, teatro, concerti, dischi, corsi e tutto ciò che concerne la cultura.

Come richiederlo: la richiesta del bonus studenti (o bonus cultura) avviene completamente online attraverso l’applicazione 18app, disponibile sia per Android che iOS. Per entrare nell’app bisogna avere anche lo SPID, con relativo PIN. Una volta registrati ed entrati, sarà possibile ottenere la somma di denaro e cominciare ad effettuare acquisti.

Bonus docenti 2020

Sempre rimanendo in ambito scuola, quest’anno è anche previsto un bonus docenti 2020. La somma in questo caso è di 500 euro, destinato appunto ai docenti del corpo scolastico.

Gli insegnanti potranno spendere tale somma per lo svolgimento di ogni tipo di attività che riguardi il proprio aggiornamento professionale.

Come richiederlo: in questo caso la richiesta va effettuata sul sito www.cartadeldocente.istruzione.it. Per accedervi è indispensabile avere lo SPID.

Ecobonus casa 2020

Passiamo ora ai vari bonus previsti per attività che riguardano la propria abitazione, che può essere oggetto di migliorie. Uno di questi è l’ecobonus casa 2020, che prevede una detrazione su due aliquote (65 e 50%) applicabile su una serie di lavori realizzati.

Per poter sfruttare questo incentivo è indispensabile che le opere in questione siano fatte appunto per migliorare l’efficienza energetica della casa.

Come richiederlo: per effettuare la richiesta dell’ecobonus è necessario registrarsi e accedere al sistema dell’ENEA, ovvero l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie. Il sito è il seguente www.enea.it, e qui bisognerà inserire i dati anagrafici del beneficiario della detrazione e tutti i dati relativi all’immobile su cui vengono svolti gli interventi.

Bonus caldaie 2020

Sempre rimanendo nella tematica casa, ecco il bonus caldaie 2020, applicabile alle sole caldaie a condensazione.

E’ destinato a tutti quei soggetti che decidono di sostituire una vecchia caldaia per installarne una a condensazione di classe A. Consiste in una detrazione fiscale del 65% o dl 50%.

Come richiederlo: stesse modalità di richiesta dell’ecobonus.

Bonus condizionatori 2020

Altro incentivo che riguarda la casa è il bonus condizionatori 2020: rientra nella categoria Ecobonus e consiste in uno sconto del 50% o del 65% sull’acquisto del nuovo condizionatore.

Questa percentuale oscilla a seconda del modello che si intende acquistare e allo svolgimento o meno di lavori in casa.

Come richiederlo: stesse modalità di richiesta dell’ecobonus e del bonus caldaia.

Bonus ristrutturazione 2020

Davvero interessante è anche il bonus ristrutturazione 2020, ovvero un incentivo per i lavori di ristrutturazione della propria casa.

Il bonus in questione prevede una detrazione del 50%, fino ad una spesa massima di 96mila euro. Può essere utilizzato sia per lavori realizzati in abitazioni private che in quelle all’interno di un condominio (esiste anche un bonus condominio 2020, riferito a lavori di riqualificazione energetica).

Come richiederlo: stesse modalità di richiesta dei bonus analizzati in precedenza riferiti alla casa.

Bonus 110 per cento ristrutturazione 2020

Per i lavori di ristrutturazione dal 1 luglio al 31 dicembre 2020, è possibile usufruire del bonus  110 per cento ristrutturazione 2020. L’incentivo in questione ammonta appunto al 110% dei costi sostenuti per i lavori di ristrutturazione o per quelli che rientrano nell’ecobonus.

Dunque, il costo per effettuare lavori sulla casa è nullo. Per riceverlo basta conservare le attestazioni relative ai lavori realizzati e i documenti dei pagamenti sostenuti.

Come richiederlo: anche in questo caso bisogna passare dal sito di Enea e inviare tutta la documentazione necessaria. 

Bonus facciate 2020

Esiste altresì  un bonus facciate 2020, che è sempre riferito alla ristrutturazione della casa, ma riguarda solo la sua parte esterna.

Il rimborso in questo caso è addirittura del 90% rispetto alle spese realizzate sugli interventi esterni degli edifici.

Come richiederlo: stesse modalità di richiesta da ottemperare sul sito di Enea.

Bonus mobili 2020

Ora vediamo una serie di bonus sparsi, davvero molto interessanti, partendo dal bonus mobili 2020.

Si riferisce ad una detrazione Irpef del 50% spettante ai soggetti che acquistano nuovi mobili, fino ad un massimo di 10mila euro.

Come richiederlo: stesse modalità di richiesta dei bonus analizzati nelle righe precedenti.

Bonus donne disoccupate 2020

Se sei una donna e al momento sei disoccupata (e lo sei da almeno 6 mesi), il bonus donne disoccupate 2020 è esattamente ciò che fa al caso tuo.

Tramite questo incentivo potrai usufruire di una riduzione del 50% dei contributi INPS obbligatori. Può essere utilizzato solo se il soggetto è residente in particolari regioni o località italiane sottosviluppate.

Come richiederlo: la procedura di richiesta è identica ai bonus bebè, mamma domani e asilo nido, da inoltrare sul sito dell’INPS secondo le modalità che abbiamo analizzato nei paragrafi precedenti.

Bonus assunzioni 2020

Con riferimento al mondo del lavoro, un altro incentivo interessante è il bonus assunzioni 2020, che in concreto favorisce l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro.

Cosa prevede? In sostanza uno sgravio per le imprese sui contributi da versare pari al 50% fino a 3000 euro, se assumono con un contratto a tempo indeterminato.

Come richiederlo: per accedere al bonus, le imprese dovranno presentare domanda preliminare di ammissione all’INPS tramite il sito dell’ente, utilizzando la modulistica apposita. Nel modulo bisognerà indicare i dati dell’assunzione già effettuata o da effettuare.

Bonus latte 2020

Lodevole e utilissimo anche il bonus latte 2020, un vero e proprio contributo sociale erogato alle madri che non possono allattare il proprio figlio in modo naturale.

Si tratta di una situazione che riguarda diverse neo-mamme, affette da determinate patologie. Sono 400 euro una tantum.

Come richiederlo: il Ministero della Salute deve ancora chiarire le modalità di richiesta, i requisiti economici e le condizioni patologiche di accesso.

Bonus elettrodomestici 2020

Consiste in uno sconto Irpef del 50% da detrarre sulle spese sostenute per l’acquisto di nuovi elettrodomestici. Per usufruire del bonus elettrodomestici 2020 la soglia massima di spesa ammissibile è pari a 10mila euro.

L’incentivo è valido per l’acquisto di lavatrici, asciugatrici, frigoriferi, forni e lavastoviglie. Gli elettrodomestici devono essere di classe energetica non inferiore ad A+.

Come richiederlo: vedi bonus mobili 2020.

Bonus smart tv 2020

Stai valutando l’acquisto di una tv di ultima generazione? Beh, c’è un bonus anche per te! Si tratta del bonus smart tv 2020.

La somma è di 50 euro per ogni componente del nucleo familiare e il requisito necessario è risultare in una cera fascia di reddito ISEE.

Come richiederlo: per ottenere lo sconto, il contribuente deve presentare al venditore una richiesta per l’acquisto di una televisione. C’è un apposito modulo, in cui il cittadino dichiara di possedere i requisiti necessari e che nessun altro componente familiare ha beneficiato del bonus. Oltre al modulo, bisogna portare con sè in negozio un documento d’identità valido e il codice fiscale.

Bonus verde e giardini 2020

Incentivo che consiste in uno sconto del 36% fino a 5mila euro per costi sostenuti al fine di sistemare il verde della propria unità abitativa presente su balconi, terrazzi e giardini.

Dunque, il bonus verde e giardini 2020 riguarda tutte le aree verdi scoperte della propria casa.

Come richiederlo: per effettuare la richiesta è necessario conservare i documenti riguardo i lavori compiuti, ovvero le fatture rilasciate dall’azienda che effettua i lavori e le documentazioni relative ai pagamenti tracciabili effettuati, da allegare alla dichiarazione dei redditi.

Bonus affitto 2020 comuni e regioni

Il bonus affitto 2020 comuni e regioni è un sussidio riconosciuto dallo Stato tramite i comuni, indirizzato alle famiglie che non riescono a pagare l’affitto di casa.

Per risultare beneficiari di questo incentivo bisogna avere determinati reauisiti ISEE.

Come richiederlo: la domanda va effettuata presso il proprio Comune di residenza, allegando copia del contratto di locazione, copia dell’ultima registrazione annuale del contratto, documento di riconoscimento e altra documentazione specifica richiesta dal bando. 

Bonus Tari 2020

Se la tua famiglia ha un reddito basso, ovvero non superiore a 8265 euro, puoi usufruire del bonus tari 2020 per ridurre la spesa della tasse sui rifiuti.

Per usufruirne bisogna fare domanda e le famiglie beneficiarie potranno godere di uno sconto applicato direttamente sul pagamento annuale della Tari.

Come richiederlo: bisogna fare domanda con autocertificazione al gestore comunale, dichiarando di possedere i requisiti e alllegando la documentazione idonea.

Bonus gas e acqua 2020

Sempre sulla stessa fascia ISEE (reddito non superiore a 8265 euro), è possibile sfruttare il bonus gas e acqua 2020.

Si tratta di una agevolazione per cui il risparmio nel caso del gas è del 15% circa sulla spesa media annua, mentre per l’acqua vi è invece una fornitura gratuita di 18,25 metri cubi l’anno.

Come richiederlo: la presentazione della domanda prevede di compilare i moduli appositi e consegnarli al Comune di residenza o presso un altro istituto designato dal Comune stesso, come ad esempio i CAF.

Bonus trasporti pubblici 2020

Il bonus trasporti pubblici 2020 riguarda ovviamente gli utilizzatori di autobus, treni, metro e più in generale tutto il trasporto pubblico.

La detrazione è del 19% su una spesa annua pari a 250 euro.

Come richiederlo: in sostanza bisogna conservare la ricevuta di pagamento e indicare la spesa sostenuta nella dichiarazione dei redditi successiva all’anno di effettuazione della spesa. In questo modo l’Agenza delle Entrate provvederà ad effettuare la detrazione.

Bonus 500 euro bicicletta e monopattini

A proposito di mezzi di trasporto, esiste anche un bonus 500 euro bicicletta e monopattini, ovvero una somma erogata per spendere sull’acquisto di bici, bici elettriche e monopattini. Il bonus in questione è pari al 70% dell’importo speso, fino appunto ad un massimo di 500 euro.

L’incentivo vale anche per l’acquisto di segway e hoverboard. I destinatari sono i cittadini maggiorenni che vivono nelle città con più di 50mila abitanti. Non ci sono vincoli di reddito.

Come richiederlo: entro il prossimo 4 novembre, verrà messo online un sito appositamente creato per il bonus mobilità, a cui si potrà accedere tramite SPID. Dino a quel momento, le operazioni di acquisto verranno suddivise in due fasi: una prima, fino al giorno di inizio operatività del sito, prevede il rimborso al beneficiario che ha conservato il documento giustificativo di spesa, che dovrà essere allegato all’istanza da presentare mediante il sito. La seconda fase, dal giorno di inizio operatività del sito, prevede lo sconto diretto da parte del fornitore del bene, sulla base di un buono di spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’app web.

Bonus 100 euro in busta paga

In principio era il bonus Renzi da 80 euro, ma da luglio è attivo il bonus 100 euro in busta paga. La somma è pari a 100 euro, ed è un aumento in busta paga per i lavoratori dipendenti.

Come dicevamo, il bonus descritto verrà erogato solo entro certi limiti di reddito in busta paga in alcuni casi, in altri sotto forma di detrazione fiscale decrescente.

Come richiederlo: non va richiesto, dal momento che verrà accreditato direttamente sullo stipendio.

Bonus colf e badanti 2020

Tutti coloro che svolgono lavori domestici e non hanno un datore di lavoro sostituto d’imposta possono richiedere il bonus colf e badanti 2020.

La somma è di 80 euro, proprio come il bonus Renzi.

Come richiederlo: la domanda va effettuata sul sito dell’INPS, con una procedura del tutto uguale ai bonus mamma, asilo nido ecc.

Bonus energia elettrica 2020

Molto interessante per tutte le famiglie a basso reddito o numerose è il bonus energia elettrica 2020.

La somma che si può ricevere varia da 71 a 153 euro, in base al numero dei componenti del nucleo familiare.

Come richiederlo: è necessario presentare un’apposita domanda al proprio Comune di residenza o presso un Centro di assistenza fiscale (CAF).

Congedo parentale 2020

Si può usufruire del congedo parentale 2020 quando un dipendente deve prendersi cura di un figlio.

Si sostanzia in un’indennità che si ottiene tramite l’Inps.

Come richiederlo: procedura da effettuare sul sito dell’INPS secondo le modalità già viste per i precedenti bonus assistenziali.

Carta Sia 2020

Altro sussidio erogato ai cittadini dotati di determinati requisiti reddituali è la Carta Sia 2020, utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità.

Il sussidio in questione è di 40 euro al mese.

Come richiederla: per ricevere la carta bisogna compilare e inviare il modulo di richiesta che si trova sul sito dell’INPS oppure in Posta o nei Caf.

Bonus vacanze 2020

Uno dei settori che ha maggiormente patito durante il lockdown è il turismo, ed è per questo motivo che il Governo ha deciso di dare una mano al settore con il bonus vacanze 2020.

Si tratta di un incentivo erogato a tutti i cittadini che decideranno di trascorrere le vacanze nel nostro territorio nazionale. Il buono in questione viene distribuito in maniera crescente, fino ad un massimo di 500 euro.

In particolare: 150 euro per una singola persona, 300 per due e 500 euro per tre o più persone della medesima famiglia. Può essere destinato solo a tutti coloro che possiedono un reddito inferiore a determinate soglie.

Come richiederlo: bisogna presentare domanda tramite l’app IO, messa a disposizioen da PagoPA. Effettuato il download dell’app, per entrare basta effettuare il login tramite SPID o CIE.

Bonus pc e tablet 2020

Nel caso in cui la tua famiglia ha un reddito Isee fino a 20mila euro, potresti usufruire del bonus pc e tablet 2020. E’ un incentivo di 500 euro, ma c’è un altro requisito da rispettare per averlo: non possedere una connessione internet o averla ma inferiore a 30 mbps.

Il bonus consente di acquistare servizi di connessione internet e dispositivi (pc, tablet, router ecc).

Come richiederlo: per richiedere il bonus in questione basta inviare la domanda ad un operatore, il proprio o un altro, che possieda i requisiti di connettività succitati.

Bonus musica 2020

Il bonus musica 2020 è un contributo elargito alle famiglie con un reddito Isee non superiore a 30mila euro, ed ammonta a 200 euro.

Questa somma può essere spesa in favore di figli con età inferiore a 16 anni per sostenere le spese di lezioni di musica. Per avere il bonus bisognerà presentare il pagamento tramite banca, posta o altro mezzo tracciabile.

Come richiederlo: bisogna ancora attendere un decreto del Ministero per i beni e le attività culturali.

Bonus auto con e senza rottamazione 2020

Concludiamo la lista dei bonus ancora attivi con il bonus auto con e senza rottamazione 2020. L’incentivo semplifica l’acquisto di auto, moto, motorini elettrici e ibridi.

Le somme erogate variano: con la rottamazione il bonus arriva fino a 3500 euro, se si acquista un’auto nuova Euro 6, mentre aumenta a 4000 euro per l’acquisto di motorini. Nel caso invece di acquisti senza rottamazione, il valore del bonus si dimezza.

Come richiederlo: ci si deve registrare sulla sulla piattaforma digitale appositamente realizzata e presentare così domanda.

Bonus ancora attivi: conclusioni

Ora dovresti avere una panoramica completa ed esaustiva sui bonus ancora attivi disponibili. Aggiorneremo questo articolo in maniera costante, qualora ci fossero novità, per cui continua a seguirci. Alla prossima!